KASIA SMUTNIAK

Katarzyna Anna Smutniak, in arte Kasia Smutiniak, è una modella e attrice polacca naturalizzata italiana. Kasia nasce a Pila, Polonia, il 13 agosto 1979 da un generale dell’aeronautica. Grazie al padre si appasione al mondo dell’aviazione e a sedici anni prende il brevetto di pilota alianati. L’ anno successiovo partecipa ad unimportante concorso di belezza polacco, in cui si classifica al secondo posto, e da lì comincia a lavorare come modella in tutto il mondo. Ben presto approda nel mondo del cinema con la commedia di Giorgio Panariello “Al momento giusto”, e in sugito con “Radio West” di Alessandro Valori. La sua carriera riceve una svolta grazie al ruolo di Mavi nel film “Peter Del Monte nelle tue mani”, per il quale vince anche il Globo d’Oro. Nel 2007 e nel 2008 partecipa a due miniserie televisive: “Questa è la mia terra” e “Rino Gaetano- Ma il cielo è sempre più blu”. Il 2010 per Kasia è un anno molto proficuo e ricco di sfide: prende parte all’action movie “From Paris with Love” con Jhon Travolta, alla commedia multietnica “Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio” e con “La passione”. Dopo una pausa di due anni torna al cinema con “Tutti contro tutti” e “Benvenuto Presidente!”, film di grande successo di Riccardo Milani. In questi anni non tralascia la televisione, patecipando alla fiction “Volare- La grande storia di Domenico Modugno”. Nel 2014 Kasia viene diretta Ferzan Ozpetek in “Allacciate le cinture”. Nel 2016 ha un ruolo nel film di grande successo “Perfetti Sconosciuti” di Paolo Genovesi. L’ anno successivo recita nell’esilarante commedia “Moglie e marito” con Pierfrancesco Favino, e nel 2018 ha preso parte a quattro pellicole: “Loro 1”, “Loro 2”, “La profezia dell’armadillo” e “La prima pietra”.

RICONOSCIMENTI

Un Nastro d’Argento europeo nel 2008 per “Nelle tue mani”.

Un Globo d’Oro nel 2008 come Miglior attrice rivelazio per “Nelle tue mani”.

Un Nastro d’Argento nel 2014 come Miglior attrice protagonista per “Allacciate le cinture”.

Un Premio Serapian nel 2014 “Allacciate le cinture”.

Un Nastro d’Argento speciale nel 2016 per “Perfetti Sconosciuti”.

Un Premio Nino Manfredi nel 2017 per “Moglie e Marito”.

Un Nastro d’Argento come Miglior atrrice non protagonista per “Loro”.

VINCENZO SALEMME

Vincenzo Salemme è un attore, commediografo, regista e comico italiano, nato a Bacoli il 24 luglio del 1957. Da ragazzo Vincenzo a studiato al Liceo Classico Umberto I e in seguito si è iscritto alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Univesità Federico II di Napoli. Nel 1976 Salemme fa il suo debutto a teatro con la compagnia di Tato Russo. L’anno seguente Vincezo si trasferisce a Roma ed entra a far parte della compagnia teatrale di Eduardo De Filippo, che al tempo recitava nelle commedia teatrali per la Rai. Nel 1985 Vincenzo Salemme fa il suo debutto nel mondo del cinema grazie a Nanni Moretti. L’attore però non abbandona il teatro, infatti nel 1990 fonda l’Associazione Culturale E.T. Emporio Teatro con l’intento di proporre una sua realtà teatrale. La sua associazione riscuote molto successo, infatti le sue commedie vengono rappresentate anche al Teatro Eliseo di Roma, dove forma una sua comgnia “Chi è di scena”. Nel 1993 Salemme ritona sul grande schermo con “Il tuffo”, ma anche in questo campo l’attore è pronto a diventare regista. Il suo primo film da regista è “L’amico del cuore” del 1998, commedia dove lui stesso recita al fianco di due attori partenopei. Negli anni Duemila Vincenzo si divide tra polcoscenico e grande schermo; tra il 2000 e il 2005 è al cinema con cinque film. Nel 2006 entra a far perte del cast di “Olè” di Carlo Vanzina. Gli anni successivi lo vedono protagonisti di molti film come “Ex” e “La vita è una cosa meravigliosa”. Gli anni seguenti il 2012 sono, per Salemme, anni molto ricchi in cui recita per il cinema in “Mai Stati Uniti”, “Sapore di te”, “…E fuori nevica!” e “Se mi lasci non vale”. Inoltre non dimentichiamo i film di grande succeso come: “Di che segno 6?”, “Non si ruba a casa dei ladri” e “Caccia al tesoro”. Nel 2018 Salemme si dirige nel film “Una festa esagerata”. Non dimentichiamo i tanti programmi televisivi nel quali ha pertecipato durante la sua carriera, come: “Famiglia Salemme Show”, “Miss Italia”, “Che tempo che fa” e “Tale e quale show”.

CAROLINA CRESCENTINI

Carolina Crescentini è un attrice italiana nata il 18 aprile del 1980 a Roma. Nel 2006 si diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia, dopo aver conseguito la laura a Lettere con indirizzo Spettacolo. Però nel 2003 Carolina già esordisce nel mondo delle serie televisive con “La squadra 4” e con “Carabinieri- Sotto copertura” nel 2005. Il suo esordio al cinema avviene l’anno seguente al diploma con “Notte prima degli esami- Oggi”. Il successo di questo film mette in mostra le sue capacità di attrice rendendola sempre più conosciuta. Infatti nel 2008 è nel cast dell’opera prima di Silvio Muccino, “Parlami d’amore”, con il quale viene candidata ai David di Donatello. In seguito recita in “I demoni di Sanpietroburgo”, ma non abbandona la televisione partecipando alla serie tv “Provanci ancora prof!” e ad una sit, “Boris”. Nel 2008 Carolina è al cinema con “Generazione 1000 euro” e “Oggi sposi”, e l’anno seguente è nel cast di un film di Ferzan Ozpetek, “Mine vaganti”. Nello stesso anno partecipa anche a “Boris- Il film” e “20 sigarette”, affermandosi definitamente nel mondo dello spettacolo. Nel 2011 prende parte al film “L’industriale” con Pierfrancesco Favino, e al film “Una famiglia perfetta” con Sergio Castellitto. Nel 2014 viene scelta nuovamente da Ozpetek per un suo film, “Allacciate le cinture”. In seguito recita in una pellicola ispirata al Decamenron, in particolare a cinque delle sue novelle, chimata “Meraviglioso Boccaccio”. Intanto in televiosione partecipa con dei film tv, come nel 2011 “Un cane per due”, e con miniserie come “Mai per amore” del 2012. Cinque anni dopo, la Crescentini è al cinema con “Beata Ignoranza” e “La verità vi spiego sull’amore”. Nello stesso anno la troviamo su Rai 1 accanto ad Alessandro Gassmann in “I bastardi di Pizzofalcone”. Nel 2018 è ancora al cinema con “Sconessi” e “A casa tutti bene”. Nel 2019 è in tv con il film “Non ho niente da perdere”, e nel 2020 uscirà al cinema con “Letto n.6”.

RICONOSCIMENTI

Un Nastro d’Argento nel 2011 come Miglior attrice non protagonista per “20 sigarette” e “Boris- Il film”.

Un Ciak d’Oro nel 2011 come Miglior attrice non protagonista per “Boris- Il film”.

LETIZIA BATTAGLIA- SHOOTING THE MAFIA

Il primo dicembre al cinema usicrà “Letizia Battaglia-Shooting The Mafia”, documentario diretto da Kim Longinotto. Letizia Battaglia è una reporter e fotografa palermitana, nonchè colonna portante del giornalismo di cronaca. Per anni Letizia ha documentato le vittime delle guerre di mafia. Atraverso le sue foto Letizia ha raccontato una Nazione distrutta dalla mafia, facendo luce anche sul rapporto mafia-politica, come nello scatto in cui ritrae Andreotti vicino al mafioso Nino Salvo. Letizia è una donna che ha dedicato la sua vita a documentare uno spaccato della nostra Italia.

ANNA FOGLIETTA

Anna Foglietta è un’attrice italiana nata a Roma il 03 aprile 1979. Da ragazza Anna frequenta il Liceo Classico Socrate di Roma e inizia a recitare in taetro nel 1997. Una delle prime esperienze professionali è la partecipazione alla serie tv “La squadra” su Rai 3 dal 2005 al 2007. Nell’anno successivo, 2008, entra a far parte del cast della serie “Distretto di polizia” su Canale 5. Il suo esordio nel mondo nel cinema avviene nel 2006 con il film “4-2-2- Il gioco più bello del mondo”, seguito da “Se chiudi gli occhi” e “Feisbum”. Le sue doti di grande attrice vengono fuori dal film “Nessuno mi può giudicare” con il quale fsi candida ai Nastri D’Argento e ai Davi di Donatello. Un altro film molto conosciuto in cui lei ha preso parte è “Colpi di fulmine”, nel 2012, nel quale ha recitato con Alessandro Gassmann. L’anno seguente Anna fa parte del cast dei film corali “Mai Stati Uniti” e “Tutta colpa di Freud”. La sua seconda candidatura ai David di Donatello arriva nel 2015 quando recita per la regia di Edorao Leo in “Noi e la Giulia”. L’ anno successivo Anna Foglietta è fra i protagonisti del film di grande successo “Perfetti Sconosciuti”, grazie al quale riceve la sua terza candidatura ai David, tra prima come milgior attrice protagonista. In seguito nel 2018 recita in “Un giorno all’improvviso”, e l’anno successivo in “Genitori Quasi Perfetti”. Nel 2020 Anna Foglietta sarà nelle sale con due film: “DNA (Decisamente Non Andatti)” e “Si vive una volta sola”.

RICONOSCIMENTI

Premio come Attrice rivelazione dell’anno al Festival delle Cerase 2009.

Un premio all’Ischia Film Festival nel 2011 come Miglior attrice rivelazione per “Nessuno mi può giudicare”.

Un premio CinèCiak d’oro Best Comedian nel 2013.

Un Nastro d’Argento speciale nel 2016 per “Perfetti Sconosciuti”.

Un premio Flaiano nel 2017.

Un Nastro d’Argento nel 2019 come Miglior Attrice protagonista per “Un giorno all’improvviso”.

TOSCA D’AQUINO

Tosca D’Aquino è un attrice e conduttrice televisiva italiana, nata a Napoli il 10 giugno del 1966. Sin da bambina nutre una profonda passione per la recitazione e da giovanissima partecipa ad alcune trasmissioni di emittenti locali. Dopo il Diploma si traferisce a Roma per studiare nell’Accademia nazionale d’arte drammatica Silvio D’Amico. Nel 1987 riceve i primi incarichi lavorativi partecipando a “Fantastico” di Pippo Baudo. Poco dopo Tosca fa il suo ingresso al cinema con “Rimini Rimini- Un anno dopo” e con “Il viaggio di Capitan Fracassa”, recitando con Ornella Muti e Massimo Troisi. Il vero successo però arriva negli anni Novanta con ruoli minori nei film di Leonardo Pieraccioni, e per Carlo Vanziana in “Il cielo in una stanza”. Intanto Tosca non abbandona la tv recitando in “Il maresciallo Rocca” e partecipando ad “Avanzi” su Rai3. Nel nuovo millennio Tosca si dedicata sia alla tv che al cinema. Per quanto riguarda la televisione, prende parte ad alcune miniserie e telefilm come “Donne di mafia” nel 2001 e “Crociera Vianello” nel 2008. Inoltre si dedica anche alla conduzione, affincando Panariello in “Torno Sabato” e lo “Zecchino d’Oro”. Al cinema si trova la fianco di Vincenzo Salemme in “Amore a prima vista” e in “Volesse il cielo!”; in questo modo la sua bravura viene notata da Neri Parenti che la ingaggia per “Christmas in Love”. Dopo una breve pausa dal cinema, Tosca D’Aquino trona sul set nel 2008 per il film ” Amore che vieni, amore che vai”. In seguito recita in “Ex- Amici come prima” e “Buona Giornta”. Recentemente Tosca ha recitato nella serie tv “I Bastardi di Pizzofalcone”, e nel film “Una festa esagerata”.

RICONOSCIMENTI

Un premio Cimitile nella sezione Speciale nel 2006.

Un Premio città dei Cavalieri di Malta nel 2009.

GIGI PROIETTI

Luigi Proietti, in arte Gigi Proietti, nasce a Roma il 02 novembre del 1940. Gigi è un attore, conduttore, doppiatore, cantate e regista italiano. Prima iniziò Giurisprundeza ma si rese conto cha la sua vera vocazione era quella di fare l’artista. Così comincia a cantare nelle feste di paese per pagarsi li studi, per poi avvicinarsi al teatro. Nei primi anni Gigi si divide tra teatro-cabaret, teatro-cantina, lo Stabile di Roma e lo Stabile dell’Aquila. Nel 1966 esordisce al cinema con “Le piacevoli notti”, da questo momento li verranno assegnati ruoli sempre più importanti, fino ad interpretare il protagonista de “L’urlo” di Tinto Brass. Solo due anni dopo Gigi sostituisce Modugno nel film “Alleluja Brava Gente” di Garinei e Giovannini, commedia che lo afferma definitivamente. Intanto Proietti non abbandona il teatro e si cimenta anche nel mondo della televisione. In seguito si auto-dirige  con la collaborazione di Roberto Lerici. Tra il 1976 e il 1983 mette in mostra anche le sue grandi doti attoriali nei mologhi, affermandosi sempre di più nel mondo dello spettacolo. Negli anni ’70 Gigi recita con i più grandi attori del momento come Ugo Tognazzi, Franco Citti e Jodie Foster. In questo periodo Porietti lavora anche all’estero con ruoli minori. Nel 1976 l’attore viene consansacrato stella della commedia italiana grazie all’intepretazione di Mandrake in “Febbre da cavallo”. Appena uscito non ebbe grande successo, ma negli anni ’80 fu molto apprezzato dal pubblico. Da questo momento Gigi diventa un volto fisso della televisiona italiana conducendo molti varietà come: “Sabato sera dalle nove e dieci” e “Fatti e fattacci”. In seguito diventa direttore artistico del Teatro Brancaccio si Roma, dove fonda il suo laboratorio per aspiranti attori. Negli anni ’90 Gigi si dedicherà principalmente la teatro e alla televisone. Nel nuovo millennio torna al cinema reinterpretando Mandrake in “Febbre da cavallo- La mandrakata” diretto da Carlo Vanzina. I  seguito nel 2004 recita in “Le barzellette”, nel 2008 al marein “Un’estate al mare”, l’anno dopo in “Un’esate ai Caraibi” e nel 2010 in “La vita è una cosa meravilgiosa”. In seguito continua ad intepretare ruoli comici in vari film, tutti di grande successo. Oltre al cinema Proietti si cimenta nel mondo delle serie tv e dei talent show. Nell’ultimo anno lo troviamo come doppiatore in tre film: “Aladdin”, “Pinocchio” e “Attraverso i miei occhi”.

RICONOSCIMENTI

Un Nastro d’Argento nel 1997 come Miglior doppiaggio maschile per Rebert De Niro in “Casinò”.

Un Nastro d’Argento nel 2003 come Miglior attore protagonista in “Febbre da cavallo- La mandrakata”.

Un Nastro d’Argento alla carriera nel 2018.

Un Leggio d’Oro alla carriera nel 2018.

Il 27 dicembre del 1991 diventa Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana.

Il primo aprile del 2003 diventa Grande Ufficiale al merito della Repubblica Italiana.

MATILDE GIOLI

Matilde Lojacono, in arte Matilde Gioli, è un attrice e modella italia, nata a Milano il 02 settembre 1989. Dopo aver preso il Diploma al liceo classico, Matilde studia, presso l’Università Statale di Milano, filosofia, e non aveva nessuna intezione di recitare. Un giorno, grazie alla madre, Matilde viene a sapere che Paolo Virzì cerca delle comparse per “Il capitale umano”, così la ragazza decide di presentarsi e le viene assegnato il ruolo di Serena Ossala. Matilde è talamente brava che vince anche due premi per la sua interpretazione. Nello stesso anno esordisce anche in tv in una puntata di “Gomorra- La serie”, e nel 2015 recita in tre film: “Belli di papà”, “Solo per il weekend” e “Un posto sicuro”. In seguito torna sul piccolo schermo nella miniserie diretta da Riccardo Milani “Di padre in figlia”.  Lo stesso regista la dirige anche nel 2017 nel film “Mamma o papà?”. Negli ultimi anni la giovane attrice ha lavorato parecchio: nel 2018 è uscita al cinema con “Ricchi di fantasia” e “Moschettieri del re”; nel 2019 è nelle sale con “Gli uomini d’oro”; e infine nel 2020 uscirà al cinema con “E’ per il tuo bene”.

RICONOSCIMENTI

Un premio Alida Valli al Bari International Film Festival nel 2014 come Miglior attrice non protaginista per “Il capitale umano”.

Un premio Guglielmo Biraghi ai Nastri d’Argento nel 2014 per “Il capitale umano”.

Un premio Giuseppe De Santis alla rassegna “Lo schermo è donna” nel 2014 per “Il capitale umano”.

Una targa ANEC Claudio Zanchi alle Giornate professionali del Cinema di Sorrento nel 2014 per “Il capitale umano”.

Un premio Afrodite come Miglior attrice emergente nel 2016.

Premio L’Oreal Paris per il cinema nel 2016.

Un premio Kinéo alla Mostra Internazionale di arte Cinematografica nel 2017 come Miglior attrice non protagonista.

STEFANIA SANDRELLI

Stefania Sandrelli è un’attrice italia nata a Viareggio il 05 giugno del 1946. A quindici anni Stefania entra nel mondo cinema, dopo aver vinto un concorso di bellezza, con il film “Gioventù di Notte”. Nello stesso anno recita con Ugo Tognazzi in “Il Federale”, e recita anche in “Divorzio all’Italia” che fu fondamentale per la sua carriera. Negli anni ’60 Stefania si afferma per la sua capacità di unire freschezza e sensualità, e lavora con i più grandi registi italiani di quegli anni: Bertolucci, Luigi Comencini, Antonio Pietrangeli, Ettore Scola, Tinto Brass, Mario Monicelli, Carlo Lizzani. Nel 1983 la sua carriera ha una svolta con il film “La Chiave” di Tito Brass. In questo periodo lavora anche con registi stranieri come: Bigas Luna, Jean-Pierre Melville, Claude Chabrol, Margarethe Von Trotta. Negli primi anni Novanta Stefania recita in “Matrimoni” e in “Con gli occhi chiusi”. Nel 1992 debutta in teatro con “Le faremo tanto male” di Pino Quartullo, di cui interpreta anche la versione cinematografica nel 1998. Stefania nella sua carriera si è occupata anche di televisione fin dagli anni ’80 con  “Lulù” e ” I racconti del maresciallo”. Prese parte anche a tre cortometraagi: “Caramelle”, “Biscotti” e “Ogni giorno”. Inoltre, una grande attrice come Stefania Sandrelli non poteva non prendere parte alle pubblicità, ne fece addirittura due: una nel 1987 (“Autobianchi Y10”), e una nel 2010 (“Danone”). Non dimentichiamoci che anche nel nuovo millenio Stefania ha lavorato molto. Tra i film più recenti in cui lei ha recitato ricordiamo “A casa tutti bene” di Gabriele Muccino e ” Brave ragazze” di Michela Andeozzi.

RICONOISCIMENTI

Nella sua carriera Stefania ha ricevuto tantissimi premi:

David Di Donatello come Miglior attrice protagonista nel 1989 per “Mignon è partita”.

David Di Doinatello nel 2001 come Miglior attrice non protagonista per “L’ Ultimo Bacio”.

David Di Donatello nel 2002 come Miglior attrice non protagonista per “Figli/Hijos”.

David Di Donatello nel 2018 alla carriera.

Undici Nastri d’Argento vinti tra il 1980 e il 2016, tra cui un Nastro D’Onore nel 2006 e uno D’Oro nel 2016.

Tre Globi D’Oro tra cui quello alla carriera vinto nel 2006.

Un Ciak D’Oro nel 1989 come Miglior attrice non protagonista per “Mignon è partita”.

Un Leone D’Oro alla carriera nel 2005.

Un Concha de Plata nel 1969 per “L’amante di Gramigna”.

Un Telegatto di platino nel 2006.

Inoltre, Stefania Sandrelli l’08 marzo del 2008 diventa Grande ufficiale Ordine al merito della Repubblica italiana, e nel 2012 diventa anche Cavaliere dell’Odre des Arts et des Lettres.

THE CROWN

Il 17 novembre su Netfilx arriverà la terza stagione di “The Crown”, la serie che segue le vicissitudini della famiglia reale d’Inghilterra e in particolare di Elisabbetta II. “The Crown 3” si occupa della famiglia reale negli anni ’60 e ’70, quando l’Inghilterra era al centro della politica. In questo nuovo capitolo la regina dovrà affrontare la Guerra Fredda e la decolonizzazione dell’Africa. Inoltre dovrà occuparsi anche della relazione tra il Principe Carlo e Camilla. La nuova stagione è composta da dieci episodi, disponibili tutti da domenica sulla piattaforma. Possiamo già dire che presto sarà disponibile anche la quarta stagione in cui vedremo Lady Diana.